Sito Ufficiale    Battaglie      Forum      Liguria Indipendente    Archivio Notizie   Registrati   Login

Cerca



O grànde Marzâri (1900 - 1974)

Giuseppe Marzari (Genova, 1900 – Genova, 4 giugno 1974) è stato un attore teatrale, comico e umorista italiano. Nato a Genova da padre istriano era figlio del direttore della banda della UITE (Unione Italiana Tranvie Elettriche, progenitrice dell'attuale AMT).

È stato un noto attore teatrale dialettale in genovese conosciuto con il semplice nome di Marzari (nome che diventò presto una icona e il nome della ditta di cui sarebbe stato capocomico), è stato protagonista dei palcoscenici teatrali locali fino agli anni sessanta con una propria compagnia che portava sulla scena molti dei titoli che costituiscono il repertorio teatrale in lingua ligure.

Ha legato il suo nome, in particolare, ad una macchietta, Ö sciö Ratella (Il Signor Ratella, dove ratella, in dialetto genovese, significa lite) impersonata numerosissime volte per la radio dalle frequenze locali della RAI della Liguria. Gli sketch di Marzari erano imperniati sui classici bisticci coniugali - cari specialmente agli umoristi di un tempo - che si risolvevano con un abbraccio finale (Per fare andare le cose "drite" - dritte -, recitava la sigla, occorre talvolta ricorrere ad una bella lite).

A Marzari sono stati intitolati numerosi premi fra cui vale la pena di segnalare qui il premio dell'associazione di studi delle tradizioni genovesi A Compagna e il premio che porta il nome del suo personaggio di maggior successo, appunto il Premio Sciö Ratella, patrocinato dagli enti locali genovesi e dalla stessa RAI. Recentemente Cesare Viazzi gli ha dedicato la biografia "Marzari, un uomo in frac" (De Ferrari Editore, 2010) e la etichetta genovese Devega ha pubblicato in cd e successivamente in i-Tunes e negli altri "negozi on line" i suoi successi discografici.

A Giuseppe Marzari sono stati intitolati dei giardini nel quartiere di San Teodoro a Genova.

 

Radiocronaca Partita 1950 circa

Approfondimenti: pagina su Marzari del sito della Grafîa Ofiçiâ

(liberamente tratto da wikipedia)

Informazioni aggiuntive